aprile 10, 2013

Maggiore flessibilita´ con il Dynamic Cloud Server di 1&1

  • Un preciso modello di fatturazione oraria migliora la gestione del server

  • Machine capacity fino a 99 cloud server in un solo contratto

  • Possibilità di salvare la configurazione ed il database delle macchine virtuali e di ripristinarli in qualunque momento tramite Snapshot

1&1, www.1and1.it, azienda leader mondiale in ambito web hosting, ha reso il suo Dynamic Cloud Server ancora più flessibile. Le configurazioni per tutte le specifiche essenziali come CPU o RAM possono essere, da oggi, installate a ore e secondo necessità. Per le piccole e medie imprese l’introduzione di tale flessibilità delle risorse del server significa poter gestire le proprie esigenze IT in modo efficiente, proprio come succede nelle grandi aziende, che sfruttano già tali strumenti per garantirsi un successo a lungo termine. Questo permette un abbassamento dei costi per le piccole imprese ed esalta la natura competitiva del mercato.

Dynamic Cloud Server di 1&1 offre agli utenti un ambiente server virtuale con accesso root completo. L’aspetto innovativo di questo modello risiede principalmente nell’adattabilità delle impostazioni di base di ogni singola macchina che possono essere modificate in tempo reale, per rispondere alle specifiche esigenze dell’utente. E’ inoltre possibile passare da sistema operativo Linux a Windows e viceversa. Dynamic Cloud Server di 1&1 può rappresentare un’interessante soluzione, di livello avanzato, per quelle aziende nelle quali la necessità di risorse di sistema cambia frequentemente o per le start-up che non sono in grado di valutare con precisione la potenza di calcolo di cui avranno bisogno per la propria attività on-line.

Per un’azienda dotata di server dedicato tradizionale che abbia bisogno di incrementare la potenza di calcolo, è necessario impiegare una certa quantità di tempo e risorse per modificare le configurazioni su una nuova macchina. Grazie a Dynamic Cloud Server di 1&1 è possibile evitare un processo così time-consuming, migliorando usabilità e accessibilità. Se, per esempio, una campagna promozionale o una particolare attività online attrae sul sito più visitatori del solito, questo cloud server ha la capacità di alzare i parametri di performance con l’aiuto di uno slider intuitivo, portando la potenza di calcolo fino a ben 6 core, 24 GB di RAM ed 800 GB di spazio hard disk. In pochi minuti è possibile quindi facilmente effettuare un upgrade o un downgrade del server.

Per gli utenti i cui progetti online sfruttano interamente la capacità di un singolo cloud server, 1&1 offre un’infrastruttura virtuale multi-funzione. Questo significa che è possibile aggiungere al contratto in atto fino a 99 macchine virtuali ed effettuare l’ordine direttamente attraverso il pannello di controllo di 1&1. Dopo la configurazione, gli utenti possono impostare ciascun Dynamic Cloud Server come di consueto, avendo a disposizione le opzioni automatiche di start, stop, reset o delete.

1&1 ha sviluppato una soluzione di sicurezza addizionale per i prodotti Dynamic Cloud Server, chiamata Snapshot. Grazie a questa soluzione, l’utente è in grado di ripristinare le macchine virtuali del Dynamic Cloud Server di 1&1 senza bisogno di alcun supporto tecnico da parte del call-center. Il software funziona infatti creando un’immagine, o screenshot, dell’attuale configurazione del server e del database, in qualsiasi momento, permettendo quindi di recuperarla più tardi. Per esempio, se sorgono complicazioni dopo l’installazione di un nuovo software, è possibile ripristinare gli snapshot di configurazione e database precedentemente salvati.

Al giorno d’oggi, nessuna azienda può permettersi di subire tempi di fermo prolungati dell’infrastruttura IT. Tra le varie criticità, il set up manuale del server può comportare diverse ore di inattività nelle quali i sistemi rimangono inaccessibili. Tali disturbi possono avere effetti negativi a lungo termine a livello di business, con conseguenze quali utenti insoddisfatti o mancato guadagno. Snapshot di 1&1 rappresenta appunto una precauzione di sicurezza necessaria in tali situazioni. Il tool permette all’utente di creare con pochi click un’immagine della configurazione e del database correnti attraverso il pannello di controllo 1&1. Lo screenshot della configurazione e del database originali rimane a disposizione, indipendentemente da quante modifiche siano state fatte sul server. Ciò è particolarmente utile per gli utenti che hanno bisogno di testare regolarmente il nuovo software. Lo snapshot del server viene costantemente salvato da 1&1 per un periodo illimitato di tempo e, qualora un operatore crei una nuova immagine, la vecchia verrà sovrascritta.

Tecnicamente, Dynamic Cloud Server di 1&1 è basato sulla piattaforma di virtualizzazione Xen virtualization. I moderni data center ad alta prestazione di 1&1 forniscono un’eccellente connettività di rete a 300 Gbit/s, l’infrastruttura ottimale per l’innovazione di prodotto. Sistemi ridondanti multipli sono a disposizione insieme ad una serie di misure di protezione contro interruzioni di corrente, perdita di dati, cyber-attacchi e pericoli esterni come acqua o fuoco. Tali misure sono state sviluppate proprio per garantire agli utenti 1&1 la massima accessibilità, 365 giorni l’anno.

Dynamic Cloud Server di 1&1 è attualmente disponibile a partire da soli € 19,99 al mese+IVA. Il prezzo base include 1 core del processore, 1 GB di RAM e 100 GB di spazio hard disk. Ciascun core di processore in aggiunta, o GB di RAM e ogni 100 GB di spazio hard disk addizionale ha un costo di solo 1 centesimo l’ora.